MONTEGRAPPA

VERSO LA RISERVA DELLA BIOSFERA

L’IPA Terre di Asolo e Montegrappa sin dal 2016 ha avviato una serie di iniziative ed eventi pubblici, pensati con l’intento di far maturare conoscenza e consapevolezza ai propri stakeholder e comunità locali in merito agli obiettivi e strategie del programma MAB UNESCO ed alle caratteristiche dell’essere Riserva di Biosfera, valutando condivisione e aspettative.
L’esito positivo di questa prima preliminare fase di sensibilizzazione e coinvolgimento, ha rafforzato l’intenzione dell’IPA di avviare il percorso di candidatura delle “Terre di Asolo e Monte Grappa” a divenire Riserva di Biosfera nell’ambito del Programma MaB UNESCO.
A fine 2017, è stato infatti avviato un procedimento per affidare la realizzazione di uno “studio di fattibilità” in grado di:

  • Valutare il livello del valore ecosistemico e delle relazioni uomo – biosfera.
  • Valutare il grado di integrabilità della candidatura con gli strumenti di pianificazione vigenti sul territorio e l’adeguatezza dei livelli di tutela del territorio per la definizione di aree Core e Buffer della Riserva di Biosfera, ipotizzando quindi perimetrazione e zonizzazione.
  • Ipotizzare possibili strutture di governance per la Riserva di Biosfera ed individuare gli stakeholder adeguati al perseguimento delle tre funzioni della Riserva di Biosfera.
  • Individuare eventuali criticità tecniche che potrebbero rallentare e/o impedire il buon esito del processo di candidatura ed elencare le possibili soluzioni.
  • Dettagliare le opportunità concrete e specifiche a cui il territorio e le sue comunità potranno ambire a seguito del riconoscimento.
  • Approfondire eventuali dubbi e timori connessi al riconoscimento a Riserva di Biosfera (soprattutto in merito a possibili nuovi vincoli), mediante la diffusione di corretta informazione e la testimonianza di soggetti già facenti parte della rete MaB italiane ed internazionale.

Al termine dello studio di fattibilità, la documentazione prodotta, è stata presentata all’interno di una manifestazione che si è svolta a Cima Grappa tra il 21-23 settembre. Tale evento, organizzato in occasione del Centenario ha avuto l’obiettivo di commemorare i caduti della Grande Guerra – con una cerimonia al Sacrario e con degli eventi a Cima Grappa organizzati assieme alle scuole e agli artigiani- ma è stata anche l’occasione per i rappresentanti del territorio di condividere la volontà del Massiccio del Grappa e dell’Asolano, maturata a partire dagli esiti dello studio di fattibilità da poco realizzato, a candidarsi a Riserva di Biosfera Unesco

La formale presentazione della candidatura del “Monte Grappa” a Riserva di Biosfera all’ UNESCO – tramite il Comitato MAB nazionale presso il Ministero dell’Ambiente, soggetto responsabile per l’Italia dello sviluppo del programma MaB – è prevista per settembre 2020.

Per raggiungere tale obiettivo si è avviato un percorso di coinvolgimento del territorio, in particolare delle Amministrazioni Comunali, in un processo che si richiede espressamente da parte di UNESCO sia fondato sulla partecipazione delle comunità e dei partner locali.

Fin’ora gli incontri realizzati si sono svolti:

26 novembre ad Asolo
06 dicembre a Feltre
06 dicembre a Cavaso del Tomba
12 dicembre a San Zenone degli Ezzelini in collaborazione con i comuni di Fonte, Mussolente e Borso del Grappa
13 dicembre all’unione montana Feltrina e con le sezioni locali dell’associazione alpini
20 dicembre nel Comune di Possagno e a Feltre
28 dicembre nel Comune di Pederobba e di Maser
16 gennaio nel Comune di Cornuda